lunedì 11 marzo 2013

Filetto di maiale in salsa al Parmigiano reggiano con tartufo e funghi frechi - La cena di Speedy Gonzales

Ore 18: parto da casa per ritirare il mio "piccolo". Si è fermato a studiare a scuola nel pomeriggio. Lo raggiungo, abbiamo il controllo dentistico alle 18.30.
Ore 18.35: arrivo nel cortile della scuola, ritiro il pargolo che "ma non potevamo fare un'altro orario? Poi ci tocca aspettare....potevamo fare una vasca in centro...ecc, ecc, ecc"
Ore 19: puntuali, sediamo in sala di attesa che secondo me è chiamata così perché è in realtà un inno all'onestà. Se cosi' si chiama è perché devi attendere, cos'altro?
Ore 19. 35: finalmente entra.
Ore 19.55: esce. La dottoressa mi vuole salutare. Ma certo dottoressa che la saluto volentieri, le farei un monumento per come ha risolto i problemi dentistici di mio figlio, le verrei a stirare a casa se ne avesse bisogno!
Ore 20: recuperiamo la macchina nel vicino parcheggio sotterraneo. Perché guardo C.S.I.? Perché le cose più truculente accadono nei garage sotterranei? Perché la stanchezza non mi spegne queste idiozie in testa?
Ore 20.05: il lato piacevole di girare in certi orari è che la strada è libera perché la gente è dove deve essere. Da un'altra parte, ad esempio a casa a cena.
Ore 20.20: entro in casa, appoggio borsa e giacca, annuso l'aria...no, non hanno bruciato niente. Non hanno bruciato niente perché non hanno cotto niente!
Però hanno apparecchiato, hanno anche messo i tovagliolini di carta colorati.
Cari uomini! Erano in tre in casa, per un peso complessivo di circa 250 chili e non hanno pensato che dentro ai piatti ci va qualcosa, che possono ritenersi liberi  di improvvisare anche se la mamma non dà ordinì precisi. "Ma non ce lo avevi detto!".
Caspita! E' vero, è colpa mia, non glielo avevo detto ed ora che ci penso mi sono anche scordata di dirgli di respirare! Abbiamo sfiorato la tragedia e io sono qui a brontolare! Donna ingrata!
Ore 20.30: Rivolgo una preghiera a Speedy Gonzales, ti prego caro topino, dammi la tua velocità!
ore 20.55: preghiera esaudita, siamo a tavola!

FILETTO DI MAIALE IN SALA AL PARMIGIANO REGGIANO CON TARTUFO E FUNGHI FRESCHI



per 4 persone:
1 filetto di maiale
farina
olio evo
2 spicchi d'aglio
1 /2 bicchiere vino rosso
sale e pepe
crema di Parmigiano Reggiano al tartufo Calzetti
1 rametto di timo fresco
4 funghi champignon freschi

Pulire i funghi, affettarli,  soffriggerli in 2/3 cucchiai di olio d'evo insaporito da uno spicchio d'aglio privato del germe. Salare e pepare. Cuocere a fiamma alta per circa 5/7 minuti.




In una padella a parte mettere 2/3 cucchiaio di olio evo, uno spicchio d'aglio schiacciato e privato del germe, il filetto di maiale pulito e passato nella farina. Rosolare a fuoco alto su tutti i lati. Sfumare con mezzo bicchiere di vino rosso. Aggiustare di sale e pepe. Dopo 15 minuti circa di cottura spegnere e lasciar riposare la carne. Riprendere il filetto, tagliarlo a fette alte 2 cm . Accendere il fuoco sotto la padella dove la carne era stata in precedenza rosolata e disporre al suo interno le fette di filetto. Far colorare un lato per 30 secondi, girare la carne, contare 20 secondi circa poi sistemare su ogni fetta un cucchiaio di crema di Parmigiano Reggiano con tartufo e un cucchiaio dei funghi già rosolati. Mettere il coperchio, spegnere il fuoco, aspettare mezzo minuto circa. Scoperchiare, far cadere a pioggia le foglioline di timo e servire.




5 commenti:

  1. Sei il mio mito irraggiungibile cara Bianca, che brava, io sarei, con la mia GRANDE fantasia, andata a prendere la pizza!!!!!!!!!!!
    Ciao Sonia

    RispondiElimina
  2. Quella la riservo per il prossimo collegio docenti! Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Sei davvero grande...guarda che piattino hai fatto in tempo zero!!!! Divertentissimo il racconto...anch'io penso le stesse cose nei garage sotterranei.....
    Complimenti...consolati anche da me funziona così..per ora il "non me l'avevi detto" viene pronunciato solo da mio marito che per altro è anche bravo in cucina ma presto lo diranno anche i bimbi.....iniziativa zero...dobbiamo rassegnarci.....

    A presto
    monica


    (fotocibiamo)

    RispondiElimina
  4. Mi sa di sì, ma sapendolo....si soffre meno! A quando delle belle foto che parlino di primavera sul vostro blog? Le aspetto con trepidazione. Bianca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appena finirà questo tempo inclemente...qui piove piove piove da giorni.....
      sto mettendo le branchie!!!!

      Elimina