lunedì 15 aprile 2013

Ravioli di orata al sugo di seppie

Cosa non può fare una giornata di sole! Sei al solito posto, nella solita cucina, nella solita pianura piatta, piatta, piatta, eppure, i raggi che danno luce, che scaldano decisi, ti prendono e ti trasportano...e sembra di cucinare in riva al mare!

RAVIOLI DI ORATA AL SUGO DI SEPPIE


per 6 persone
per la pasta: 
400 g farina 0
4 uova

per il ripieno:
1 orata 
2 patate lesse medie
prezzemolo fresco
sale e pepe bianco

per il sugo:
500 g seppioline
3 cucchiai olio evo
1 spicchio d'aglio
4 acciughe
1/2 bicchiere vino bianco secco
brodo di pesce

Impastare uova e farina per la sfoglia e far riposare l'impasto almeno 30 minuti sotto una ciotola.

Farsi pulire l'orata dal pescivendolo, sciacquarla sotto acqua corrente fresca, cuocerla a vapore per 20 minuti circa. Lasciarla raffreddare e ricavarne la polpa.




Nel robot con il cutter mettere la polpa di orata, le patate lesse schiacciate con una forchetta, qualche foglia di prezzemolo, sale e pepe bianco. Azionare e creare un ripieno cremoso e sodo al tempo stesso.




Tirare la sfoglia con la macchina per la pasta, ricavare con un coppa pasta dei cerchi di 7/8 cm di diametro, mettere al centro di ogni cerchio un cucchiaino di ripieno, chiudere a mezzaluna, pressando bene i bordi.






In una padella a parte far colorire nell'olio evo lo spicchio d'aglio pelato, privato del germe e schiacciato.
Unire le acciughe spezzettate e farle sciogliere. Aggiungere le seppioline già pulite, lavate e tagliate a striscioline. Cuocere per pochi minuti. Sfumare con il vino bianco e dopo 10 minuti, portare a cottura aggiungendo poco alla volta, il brodo di pesce ben caldo. Controllare la sapidità.

Cuocere  i ravioli in acqua bollente salata e saltarli con delicatezza nella padella delle seppioline. Guarnire con foglie tritate di prezzemolo. 




3 commenti:

  1. ciao! ti ho assegnato un premio sul mio blog, passa a ritirarlo! :-)

    RispondiElimina
  2. Ho scoperto il tuo blog grazie a questa ricetta pubblicata su Petit Chef; di solito le ricette che pubblicano lì sono banali e scontate, ma ci dò sempre un'occhiata perché ogni tanto si trova una gemma. Oggi la mia perseveranza è stata premiata. ;-)

    Ricetta magnifica, blog bellissimo e molto curato. Bravissima e... complimenti!!!!!!

    RispondiElimina
  3. Ma grazie Mapi! E soprattutto grazie perché mi dai l'occasione di venire a conoscerti!

    RispondiElimina