martedì 17 settembre 2013

Cosce di pollo alla diavola - Uno strano metodo di cottura

Sfoglio il numero di settembre de "La Cucina Italiana". Vien voglia di prendersi due giorni di ferie per provare tutto. Una ricetta attira più delle altre la mia attenzione. Il piatto è invitante, fa venire l'acquolina in bocca. I gusti potrebbero essere graditi anche a casa mia...ma quella pentola sopra la pentola....è proprio simpatica.
E' stato divertente, veloce e appetitoso!

COSCE DI POLLO ALLA DIAVOLA




per sei persone:
6 cosce di pollo disossate
20 pomodorini ciliegia
peperoncino
aglio
menta
alloro
rosmarino
olio evo
sale e pepe

Cospargere le cosce di pollo già disossate con sale, pepe e peperoncino macinato. Lasciare in riposo al fresco. In una padella ampia sistemare 5-6 foglie di alloro lavate e stropicciate con le mani. qualche rametto di menta e rosmarino, un giro di olio evo e sistemarvi le cosce.




Coprirle con un disco di carta da forno e appoggiare sopra a questo disco una casseruola di dimensioni leggermente inferiori rispetto alla padella che contiene le cosce. Riempirla per metà la casseruola di acqua in modo che faccia da peso.




Trasferire il tutto sul fuoco e cuocere le cosce a fuoco abbastanza vivace,  per 10 minuti  da quando iniziano a sfrigolare. Togliere il peso, la carta, girare la carne, ricomporre il tutto e cuocere per altri 7 minuti circa. Togliere le cosce, aggiungere nella padella 2 cucchiai di acqua, alzare la fiamma e far restringere il sughetto.
Lavare i pomodorini, tagliarli a metà e rosolarli nella padella del sugo con uno spicchio d'aglio e 2-3 cucchiai di olio evo.




Servire le cosce con i pomodorini accompagnando eventualmente con insalata fresca.




9 commenti:

  1. Un metodo di cottura di cui non avevo mai sentito parlare ma che mi fa piacere apprendere e imparare, proverò anche io questa gustosa ricetta! :)

    RispondiElimina
  2. Sicuramente originale come metodo di cottura, l'aspetto finale è ottimo, hai fatto bene a provare.
    Un bacione,
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sì, mi ha divertito e ho voluto provare!

      Elimina
  3. Ma che bontà..ma che bontà!!!Mai visto cose simili!!

    RispondiElimina
  4. Sicuramente la ricetta è squisita; il metodo di cottura però non è strano: il pollo alla diavola esige un coperchio molto pesante di argilla che lo schiacci (mia nonna l'aveva, chissà se lo trovo ancora da qualche parte a casa sua?). Qui è stato sostituito il coperchio con un recipiente appesantito dall'acqua, tutto qui. :-)
    Sia chiaro, l'ho detto senza nulla voler togliere alla bontà della ricetta che non solo è ottima, ma che intendo provare quanto prima! ;-)
    Grazie!

    RispondiElimina
  5. Ma scherzi? Mi fa sempre piacere quando ci si scambia delle informazioni culinarie. E' che spesso scopro l'acqua calda, ne rimango affascinata e lo voglio comunicare a tutti! Buonissima settimana!

    RispondiElimina
  6. La ricetta è squisita e la cottura veramente originale :)

    RispondiElimina