lunedì 13 gennaio 2014

Lasagnette aperte e profumate agli agrumi - Vincere la nebbia

Guardo fuori e la nostra amica nebbia ci circonda da ogni lato.
Certo in casa si sta molto bene ma qualcosa bisogna fare per impedire che questo grigiore penetri l'anima e l'umore...
Occorre inventare,  pensare qualcosa di nuovo, di bello, coloratissimo e profumato...

LASAGNETTE APERTE E PROFUMATE AGLI AGRUMI



per la pasta (circa 10 lasagnette complete):
2 uova 
200 g di farina 00
la buccia di mezza zucchina
zeste di arancia, pompelmo e limone

per il ripieno:
200 g di mazzancolle
1 zucchina
100 g ricotta mucca
1 cipollotto
olio evo
sale e pepe bianco

per il sugo:
10 pomodorini ciliegia
bisque di gamberi (2 cucchiai di olio evo, i carapaci delle mazzancolle, 1 bicchierino di brandy, un bicchierino di vino bianco secco, 1 noce di burro)
olio evo
sale e pepe

olio di semi

Pasta: impastare uova e farina e lasciare in riposo 30 minuti prima di tirare la pasta con la macchinetta. Su ogni striscia di pasta spargere la buccia di zucchina lavata e ridotta a striscioline sottilissime e le zeste ricavate dagli agrumi lavati.







Sovrapporre con un'altra striscia di pasta e passare ancora nella macchinetta nel penultimo numero. 




Guardando ora la sfoglia controluce si potranno vedere gli elementi profumati che vi abbiamo nascosto all'interno. tagliare le sfoglie in quadrati a piacere, io ho tenuto 8 cm per lato.




Per il ripieno: lavare le mazzancolle, sgusciarle mettendo da parte i carapaci, togliere il filino nero con uno stuzzicadenti e sciacquare ancora. Tritare grossolanamente le mazzancolle, tagliare la zucchina (quella di cui si è utilizzata la buccia per la pasta) a dadini piccolissimi e il cipollotto a rondelle.




In una casseruola mettere due cucchiai di olio evo, il cipollotto e soffriggere. Aggiungere la zucchina e dopo qualche minuto anche le mazzancolle. Lavorare nel frattempo la ricotta in modo da ammorbidirla. Spegnere il soffritto, aggiungere la ricotta a cucchiaiate, coprire con un coperchio e lasciare il tempo alla ricotta di ammorbidirsi e sciogliersi con il resto del ripieno. Il fuoco deve rimanere spento e solo dopo qualche minuto si procedere a mescolare con delicatezza.




Per il sugo rosso: lavare i pomodorini, inciderli a croce sul fondo, scottarli in acqua bollente salata per pochi minuti. Ritirarli dal fuoco e pelarli. Tagliarli a pezzetti, metterli nel bicchiere del mixer e e ridurli in crema con poco olio evo. 




Rinfrescare i gusci delle mazzancolle messi da parte poi mettere in una casseruolina 2 cucchiai di olio evo, i gusci scartati e pestare bene con un cucchiaio di legno.



Sfumare con un bicchierino di brandy, poi con uno di vino bianco secco, abbassare la fiamma e proseguire la cottura per almeno 20 minuti controllando il liquido (aggiungere eventualmente poca acqua calda) e la sapidità. Quando la bisque si sarà ben concentrata, aggiustare con una noce di burro e aggiungere la crema di pomodori.

Per la decorazione: tamponare bene con la carta da cucina e friggere in olio di semi le bucce dei pomodori ricavate dai ciliegini usati per la crema di pomodoro. 

Cuocere la pasta poco alla volta  in acqua bollente salata a cui si è aggiunto un cucchiaio di olio per impedire che i fogli di pasta si attacchino fra di loro. Raccoglierli con un mestolo forato e porli qualche secondo ad asciugare su di un canovaccio.

Impiattamento: mettere sul fondo del piatto un cucchiaio di sugo, una sfoglia di pasta, un cucchiaio di ripieno di zucchine e gamberi,




sistemare una seconda sfoglia, irrorare con altro sugo, decorare con le zeste degli agrumi rimaste, le bucce dei pomodori fritte, qualche rondella di cipollotto soffritto, un filo di olio evo a crudo. Servire subito. 














E' il mio modo per vincere il grigio della nebbia!

Con questa ricetta partecipo a : 









Nessun commento:

Posta un commento