mercoledì 5 novembre 2014

Tagliolini al ragù di coniglio con lenticchie di Castelluccio

Un piatto che parli di autunno anche perché in questi giorni altro non viene in mente. Martedì nebbiolina al mattino, ieri cielo grigio, stanotte temporale, oggi foglie appiccicate a terra, bronchite galoppante, acqua a secchiate a schiaffeggiare innocenti foglie.
E siamo fortunati se i fiumi rimangono nel loro letto!
Amo l'autunno, l'ho dichiarato più volte ma a tratti mi spaventa.
Inutile improvvisarsi guru del pensiero positivo quando i tuoi sono in giro, facilmente in zone che poche settimane fa hanno conosciuto acqua e fango. Cosa faccio per non farmi sopraffare dalla preoccupazione? Leggo. Leggo riviste di cucina. Mi ispiro. Cucino.


TAGLIOLINI AL RAGU' DI CONIGLIO CON LENTICCHIE DI CASTELLUCCIO






per 6/8 persone:
per la pasta:
3 uova
300 g farina
1 cucchiaino olio

semola

per il ragù: 
2 cosce di coniglio
1/2 porro
1 carota
1/2 gambo di sedano
1 spicchio di aglio
olio evo
1/2 bicchiere vino bianco

pepe

per il brodo:
le ossa delle cosce disossate
olio evo
1 carota
1/4 cipolla 
1/2 gambo  di sedano
2 grani di pimento bianco
rosmarino
1 spicchio di aglio

per le lenticchie:
200 g lenticchie di Castelluccio
1 spicchio d'aglio
1 carota
1/2 cipolla
1/2 gambo sedano
2 grani di pimento bianco
rosmarino
pomodori a cubetti freschi o in scatola
olio evo


Pasta. impastare uova e farina con l'olio e mettere a riposare coperto almeno 30 minuti. Poi tirare la pasta in sfoglie e in tagliolini. Spolverare di semola per favorire l'asciugatura.

Ragù: disossare le cosce e tagliale a bocconcini molto piccoli. In un'ampia padella rosolare in due cucchiai di olio profumati con lo spicchio d'aglio, il poro tritato finemente, le carote e il sedano tagliati a dadini. Aggiungere il coniglio e cuocere lasciando asciugare bene il tutto. Poi aggiungere il vino e  portare a dolcezza la fiamma. Mettere da parte. 






Brodo: rosolare in un filo d'olio, lo spicchio d'aglio, profumare con un rametto di rosmarino, mettere le ossa del coniglio, la carota tagliata a tocchi, il gambo di sedano spezzettato, la cipolla sfogliata, i due grani di pimento. Quando sono colorati, coprire di acqua , mettere il coperchio e ottenere un brodo che, una volta filtrato, sarà utilizzato al momento di condire (ne dovranno risultare due mestoli per queste dosi di pasta). 






Per le lenticchie: mettere le lenticchie che non hanno bisogno di ammollo grazie alla loro sottilissima buccia, in  1 litro di acqua salata aromatizzata dal pimento e dal rosmarino. Unire 1 carota, la mezza cipolla  e il sedano e cuocere per circa 1 ora. Scolare e rosolarle per qualche minuto in una padella con un filo di olio e uno spicchio d'aglio. Aggiungere poca acqua, i cubetti di pomodoro e proseguire per altri 5 minuti. 






Cuocere i tagliolini in acqua bollente salata e appena affiorano trasferirli nella padella in cui ha cotto il ragù, ammorbidirli con il brodo ottenuto dalle ossa del coniglio, unire il ragù e condire bene tutto.

Impiattamento: mettere due cucchiai di lenticchie sul fondo del piatto e una forchettata di tagliolini al centro. Finire con qualche goccia di olio evo e una spolverata di pepe.






“Con questa ricetta partecipo al contest Ricette d'Autunno”

















2 commenti:

  1. Ciao Bianca,
    ho pochissimo tempo per commentare, ma ti seguo sempre ugualmente, un bacione!
    Cri

    RispondiElimina
  2. CHE PIATTO SPECIALE, RICORDA IN PIENO I SAPORI AUTUNNALI!!!!ANCHE QUI C'E' ALLERTA, ORA HA SMESSO, SPERIAMO TENGA, IERI E' VENUTO GIU' IL FINIMONDO, SI PENSAVA AD INONDAZIONI!!!!BACI SABRY

    RispondiElimina