giovedì 31 dicembre 2015

Gnocchi al ragù di capesante e porcini

Non sopporto quando cerco una ricetta per una certa occasione, l'ultimo dell'anno nella fattispecie, e me la trovo pubblicata alle 4 del pomeriggio! Superman non abita mica a Sant'Ilario! Come faccio a organizzare la spesa, preparare, rendermi presentabile e non dare di matto!?!
Per non ripetere l'errore,  pubblico ora la mia ricetta da utilizzare questa sera o quando si vuole, come sempre. La si può fare davvero anche all'ultimo momento: patate e funghi secchi spesso sono già in casa. Ecco, solo l'accortezza di uscire un attimo prima di pranzo a comprare qualche bella capasanta. Tutto qui!
Un ultimo piatto prezioso per questa sera: ritagliarsi un attimo da soli, vestirsi di silenzio e ringraziare, assaporando tutto quello che è stato l'anno passato. Ringraziare sempre, anche per quello che non si è visto, che non si è apprezzato, che probabilmente è sfuggito fra le mani della nostra fretta. Ringraziare perché comunque siamo qua e qualsiasi cosa sia stata, siamo qua, sopravvissuti, vissuti dagli eventi e quindi possibilmente più completi, più noi. Completare poi questo "pasto", con la dolcezza di poter ricominciare, accogliendo l'invito di ogni anno, di ogni giorno, a ripartire, a non arrenderci. Buona fine e buon inizio!



GNOCCHI AL RAGU' DICAPESANTE E PORCINI







per 4 persone: 
500 g patate
100 g farina
60 g Parmigiano reggiano
2 tuorli

4 capesante
vino bianco secco o marsala.
30 g porcini secchi
brodo vegetale
olio evo
sale e pepe
peperoncino
1 spicchio di aglio
timo fresco

Cuocere le patate, in acqua o al microonde. Schiacciarle con lo schiacciapatate, unire la farina, poca per volta, probabilmente non occorrerà tutta, il formaggio e i tuorli. Impastare velocemente aiutandosi con un tarocco. Dividere l'impasto in filoni e tagliarli nella misura desiderata poi rigarli con una forchetta o con l'apposito attrezzo. 
Staccare la capasanta dal guscio, lavarla bene sotto acqua corrente per eliminare la sabbia, separare la noce dal corallo e tagliare la noce a tocchetti. In una padella mettere un filo di olio evo, scottarvi velocemente le capesante e sfumare con vino bianco secco o marsala.
Ammollare i funghi in acqua tiepida per almeno 30 minuti. In una padella mettere due cucchiai di olio evo, uno spicchio d'aglio sbucciato e privato del germe, un pezzetto di peperoncino. Unire i funghi e cuocere dolcemente, aggiungendo eventualmente poco brodo vegetale. Controllare la sapidità.
Cuocere gli gnocchi in acqua bollente salata e appena affiorano trasferirli nella padella con le capesante. Unire anche i porcini, amalgamare bene e servire cospargendo di timo fresco. 





1 commento:

  1. GRAZIE ANCHE A TE PER L'ANNO CHE STA FINENDO!!TI AUGURO UN MERAVIGLIOSO 2016. BACI SABRY

    RispondiElimina