martedì 30 ottobre 2012

Risotto con i porcini di Tarsogno.

Fin da piccolo mio marito è andato in vacanza in estate sulle colline di Parma e precisamente a Tarsogno. Direi che ci ha passato un numero considerevole di estati che, con il passare degli anni, sono inevitabilmente entrate a far parte del mondo del mito. "L'acqua di Tarsogno è unica (questo è vero, è chiamato "Il paese delle fonti"), l'aria di Tarsogno è la più fresca per l'estate, la torta di patate buona si mangia solo a Tarsogno, se vuoi dei porcini buoni li devi raccogliere a Tarsogno" e così via.
Fatto sta che due domeniche fa eravamo in zona. Il sabato abbiamo avuto una esperienza non troppo felice in un agriturismo dove a cena, senza mai mostrarci nemmeno l'ombra di un fungo (in zona si vive di quelli e quest' anno il raccolto è stato straordinario!), sono riusciti a servirci, salumi a parte, dei piatti innominabili! Non sono solita uscire con questi commenti ma la sorpresa è stata davvero sgradevole. Occhio alle apparenze a ai...week-end troppo..charmants!
Il giorno dopo, grazie a Dio, è stato davvero...il giorno dopo! Un bel sole in cielo, i meravigliosi colori dell'autunno, aria frizzantina.


Dopo aver salutato per sempre l'agriturismo, ci siamo mossi alla volta dei dintorni.


 A Compiano abbiamo visitato il paesino e il castello, a Borgotaro ci siamo infilati in una deliziosa trattoria dove siamo stati serviti con gentilezza, sollecitudine, un giusto prezzo e ottimi e abbondanti funghi. Se passate da quelle parti, vale la pena di provare. Il locale si chiama "La taverna di Andrea" e si trova in piazza Manara.


Dopo pranzo, abbiamo passeggiato per la via principale di Borgotaro e abbiamo trovato un negozio con le specialità di Tarsogno! Inutile dire che abbiamo fatto spesa: funghi porcini secchi e sott'olio e la spongata per Natale (è uno dei dolci tipici delle feste).
Oggi a pranzo sono quindi andati in tavola i funghi di Tarsogno, quelli secchi di quest'anno.
Mi tocca dar ragione a mio marito? Direi proprio di sì. I funghi di Tarsogno sono davvero molto molto molto buoni!!!

RISOTTO CON I FUNGHI PORCINI SECCHI (quelli di Tarsogno)

per 5 persone:
200 g funghi porcini secchi
340 g riso Carnaroli
Acqua
2 dadi Cuore di brodo alle verdure Knorr
1 spicchio d’aglio
sale
30 g burro
abbondante Parmigiano Reggiano


Mettere i funghi secchi a bagno in acqua tiepida per circa 1 ora.
Scolare i funghi, filtrandola con un colino a maglie molto strette.
Mettere a bollire l’acqua dei funghi facendo sciogliere in questa i  dadi da cucina. (circa 1 litro e mezzo di liquido in totale).
Tagliare i funghi grossolanamente e metterli da parte.
In una grande padella dal fondo antiaderente, far rosolare, l’aglio e quindi aggiungere i funghi.
Far cuocere i funghi per due o tre minuti, quindi aggiungere il riso facendolo tostare per qualche minuto.
Aggiungere l’acqua dei funghi bollente fino a coprire il riso.
Mescolare lentamente di tanto in tanto ed aggiungere altra acqua finchè il riso non raggiunge la cottura desiderata.
Al termine della cottura, spegnere il fuoco e mantecare con il burro e il Parmigiano.
Far riposare per pochi minuti e  servire.






1 commento:

  1. Ciao, nonooo, ho scritto, non voglio cose con ingredienti poco reperibili...Voglio ricette facili e con prodotti reperibili, non voglio ingredienti particolari...spero di essere stata chiara!!! ^_^

    RispondiElimina