domenica 9 giugno 2013

Risotto zucchine e gamberi

L'idea è presa dal numero di maggio di Alice cucina. Va provata.

RISOTTO ALLO ZAFFERANO CON SPIEDINI DI GAMBERI 




per 5 persone:
320 g riso
2 zucchine
20 gamberi
1 bustina di zafferano
vino bianco
brodo vegetale
succo di limone
olio evo
olio di semi di arachide
sale e pepe

Lavare le zucchine, tagliarle in quattro fette per il lungo, separare la parte verde, ridurla a striscioline che andranno poi tagliate in tre parti . Metà di queste striscioline verrà inserita nel risotto, l'altra metà va fritta in olio di semi di arachide, scolata, salata e tenuta al caldo. La polpa rimasta può essere utilizzata a cubetti in una minestra, un minestrone, una frittata, come condimento di una pasta ...

Lavare i gamberi, privarli dei gusci mantenendo le code, togliere il filo nero dell'intestino, metterli a macerare in un piatto fondo con olio evo, una spruzzata di vino bianco, qualche goccia di succo di limone. Coprire con pellicola da cucina e riporre al fresco in frigo.




In una casseruola scaldare due cucchiai di olio evo, tostare il riso fino a renderlo traslucido, sfumare con il vino bianco. Portare a cottura con il brodo vegetale bollente. A metà cottura inserire le striscioline di zucchina preparate in precedenza e lo zafferano diluito in un mestolo di brodo.

Nel frattempo prendere i gamberi ed infilarli su spiedini di legno quattro alla volta. Mettere a scaldare una piastra e quando sarà ben calda cuocervi gli spiedini di gamberi circa 4 minuti per parte.






Spegnere il riso, mantecare con un filo di olio evo e servirlo accompagnato dagli spiedini di gamberi e dalle striscioline fritte di zucchina.







4 commenti:

  1. Ciao Bianca, è da un po' che non mi faccio viva, ho trascurato i saluti alle amiche blogghine, anzi la settimana scorsa ho deciso di dedicare meno tempo al pc e più tempo alla cucina. Ho fatto il pane e la pizza, ho comprato un nuovo robot, speriamo non sia un fuoco di paglia, visto la novità!
    Tu sei sempre bravissima!
    Un caro saluto. Sonia

    RispondiElimina
  2. Sonia cara che piacere sentirti! Ti seguo e vedo che fai sempre cose bellissime per cui avevo interpretato il tuo silenzio come l'esserti tuffata a capofitto nei tuoi capolavori e invece ....eccoti qua, piena di sorprese! Vedrai come ti sarà utile il robot, poi la voglia viene da sè quando si hanno buoni risultati e queste attrezzi aiutano molto in proposito! Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Carissima Bianca!!! Eccomi qui dopo un bel po' che non commentavo le tue meraviglie!! Sei sempre ad un livello qualitativo ottimo, lo sai? E poi questi sì che si possono chiamare spiedini di gamberi, altro che quei gamberoni rinsecchiti dal calore della brace, anzi più che altro carbonizzati sul fuoco, che hanno cucinato gli amici da cui siamo stati sabato scorso!! Cioè, dico io...come si fa a mettere a cuocere i gamberoni e poi fregarsene completamente della cottura?? Io sono convinta che, per riuscire bene in cucina, come nelle altre cose, ci voglia passione, tempo e costanza, non approssimazione, giusto??
    Baci
    Maria Grazia
    PS: non ho più tanto tempo per girare e commentare ma i tuoi piatti e il tuo blog li leggo sempre volentieri!

    RispondiElimina
  4. Poveri gamberi davvero! Con tutto il piacere che ci danno essere ripagati in questo modo! ma forse stavate così bene tra di voi che le chiacchiere hanno avuto il sopravvento!

    RispondiElimina