martedì 19 novembre 2013

Tagliatelle prosciutto e patate - Il piacere della sfoglia

Mi piace fare la sfoglia, mi piace comporla, mi piace inventarne i ripieni, pensare a forme nuove, mi piace
raccoglierla quando scende dalla macchinetta, quando dalla trafila escono taglioline e tagliatelle, mi piace sollevare le tagliatelle sul tagliere e farle volare fra nuvole di semola per prepararle al riposo del tuffo nell'acqua bollente. 
Non sono una sfoglina anche se la mamma, modenese doc,  aveva cercato di insegnarmi a tirare la sfoglia. Lei la faceva perfetta, grande, senza un buco. E da questa nascevano soprattutto i tortellini per Natale, quelli che si preparavano la vigilia mettendo  dura prova i buoni propositi di mangiare di magro. Ma qualcuno che si sacrificasse d assaggiare il ripieno ci voleva pure no?
La pigrizia e gli strumenti moderni hanno poi messo da parte ai miei studi di mattarello e ne sono pentita ma oggi non credo avrei la forza di tirare la sfoglia a mano.
Dunque dicevo, non da purista, ma amo fare la sfoglia in casa e per fa tanto "festa". 
Festa nei giorni di festa, festa quando i figli ormai grandi e divisi fra morosi, impegni di lavoro, di studi o amici, si fermano a cena, festa quando voglio dimostrarmi che qualcosa lo so fare. 
Food - therapy? La voglio considerare tale e con me funziona.  
Dopo che ho preparato una bella sfoglia che poi trasformerò in un bel primo piatto, mi sento decisamente bene.

TAGLIATELLE PROSCIUTTO CRUDO, PATATE E TIMO CON NOCI




per 4 persone
per la pasta
2 uova 
200 g di farina
semola


per il condimento:
180 g prosciutto crudo
1 patata grande
olio evo
pepe
tino
20 g di gherigli di noce

Impastare uova e farina a far riposare l'impasto almeno 30 minuti coperto da una ciotola

In una padella mettere 3 cucchiai di olio evo, il prosciutto crudo tagliato a striscioline (uso il gambetto, costa meno ed è molto saporito. Soffriggere qualche minuto poi aggiungere la patata pelata e tagliata a dadini. Insaporire il tutto con una macinata di pepe a cuocere  fuoco medio.

Riprendere l'impasto e tirare con la sfoglia con la macchinetta prima ricavandone delle strisce, che andranno fatte asciugare spolverate di semola, poi le tagliatelle con l'apposita trafila. 

Buttare le tagliatelle in acqua bollente salata e appena affiorano trasferirle nella padella del condimento per saltare tutto insieme. Servire con una granella di gherigli di noce tritati grossolanamente e qualche fogliolina di timo fresco.


3 commenti:

  1. Ciao, Bianca. Ho visto questa ricetta a FoodBloggerMania, un sito che non conoscevo. Per inserire un commento ho dovuto registrarmi. Poi, il mio commento è stato istantaneamente visibile a Facebook a tutti i miei amici!!! Non ho nessuna idea come quel sitaccio ha riuscito di invadere la mia privazia in questo modo. Mi fa grande piacere che la stessa ricetta esiste anche qua. E ti dirò qua che la ricetta è strepitosa! Mi ha fatto venire in mente i sapori dell'Alto Adige, e infatti con piccolissime modificazioni, potrebbe essere una ricetta sudtirolese. Non vedo l'ora di preparare questa ricetta -- forse con le suddette modificazioni! Salutoni dagli USA.

    RispondiElimina
  2. Lorenzo che piacere sentirti! Posso vantarmi di avere un amico blogger americano e soprattutto musicista! Anche mio marito suona ma a livello amatoriale: basso e chitarra. Gli ho regalato un banjo anche se avrei preferito un ukulele perché sono innamorata della sua musicalità. Grazie per i complimenti. Mi mandi una bella ricetta natalizia americana?Se hai tempo naturalmente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Bianca! Sto vedendo quella risposta solo adesso. (Ho visto il nome "Lorenzo" e mi sono smesso di leggere, pensando che tu parlassi a un altro ...) Per quanto riguarda una ricetta natalizia americana ... Hmmm ... In verita' non so, perche' non ho mai mangiato un pasto natalizio americano! Nonna faceva sempre i ravioli caserecci, riempiti con ricotta e spinaci, in salsa rossa con tutti i carni e le braciole. Ma d'altro canto, per la cena del 25, Nonna faceva un gran ham (prosciutto cotto) in forno, condito con chiodi di garofano (inseriti nel ham), ananas (tagliata a grandi anelli), brown sugar (zucchero a melassa), e (l'ingrediente segreto) ginger ale! Sarebbe una ricetta americanissima, direi!

      Elimina