mercoledì 2 aprile 2014

Panini multicereali ai sapori di Parma - Molino Grassi


Che magia la lievitazione e che meraviglia, appena alzati, andare in cucina e tirare fuori farina, bilancia, lievito e...provare qualcosa di nuovo e di buono.
Qualcosa di nuovo come la farina che ho usato, la Multicereali della Molino Grassi di Parma, una farina appartenente alla linea Qb - qualità bio, lanciata da questo molino agli inizi del 2012. 
Una miscela di farina tipo 0 di grano tenero Manitoba biologico, farina di segale biologica, farina di orzo biologico, farin di riso biologico e farina di avena biologica.
Un  tesoro racchiuso in un sacchetto, un regalo poterla provare.

PANINI MULTICEREALI AI SAPORI DI PARMA







per il pane: (16 panini)
400 g farina Multicereali Grassi
mezza bustina di lievito di birra liofilizzato
1 cucchiaino di sale
1 cucchiaino di miele
220 ml acqua
1 albume
semi di girasole

per il primo ripieno:
1 melanzana grossa
olio evo
1 pizzico di aglio disidratato Cannamela
6 pomodorini ciliegia
sale e pepe
30 g pecorino
30 g mandorle

prosciutto crudo di Parma
scaglie di parmigiano Reggiano
gocce di aceto balsamico

per il secondo ripieno:
1 cespo di cicoria
olio evo
1 pizzico di aglio disidratato Cannamela
sale
4 uova
spalla cotta di san Secondo

Pane ai cereali: mettere nella planetaria, nell'ordine, il sale, la farina, il lievito, il miele e azionare. Aggiungere poi l'uovo e l'acqua poco alla volta. Impastare per 10 minuti poi far lievitare l'impasto in luogo tiepido, in una ciotola coperta da pellicola da cucina, per 1 ora e mezzo. Riprendere la pasta, farne un filone, dividerlo in 16 pezzi.




Ricavare da ogni pezzo un rotolino di circa 35 cm di lunghezza e formare i panini (prima si annodano i rotolini poi si passano i capi del nodo attorno al cerchio di pane che si è formato, per realizzare delle piccole
ghirlande).




Coprire con un canovaccio umido e proseguire la lievitazione per altri 30 minuti.




Pennellare con l'albume sbattuto, cospargere con i semi di girasole.
Cuocere a 180° per 15 minuti circa.




Non sembra il re Sole con una bella corona d'argento?





Primo ripieno: Lavare la melanzana, tagliarla a cubetti e cuocerla in un'ampia padella in 4 cucchiai di olio evo. Insaporire con sale e pepe e l'aglio disidratato.  Aggiungere anche i pomodorini lavati, privati di acqua e semi e tagliati a pezzetti.
Quando le melanzane sono morbide, trasferirle in un robot da cucina con il cutter, aggiungere il pecorino e le mandorle e ridurre a crema mantenendo però una certa grossolanità del composto.

Secondo ripieno: lavare la cicoria, tagliarla a pezzetti poi lessarla per 10 minuti in acqua bollente. Scolarla, strizzarla, tritarla molto finemente e trasferirla i una padella con 2 cucchiai di olio evo, sale e aglio disidratato.
In un padellino realizzare delle piccole frittate. Scaldare le fette di spalla cotta a bagnomaria fra due piatti.

Primo panino: tagliare il panino, spalmarlo con il pesto di melanzana,





completare con una fetta di prosciutto crudo di Parma, scaglie di Parmigiano Reggiano, due gocce di aceto balsamico.




Chiudere il panino e servire.




Secondo panino: spalmare con un cucchiaio di cicoria,




completare con una frittatina (usare il coppa pasta per rendere regolare la misura),




la spalla ancora tiepida.




Chiudere il panino e servire.







Una variante con i semi di sesamo e papavero


Con questa ricetta partecipo al contets di Molino Grassi:






2 commenti:

  1. Hai ragione un vero tesoro racchiuso in un cassetto..peccato sia arrivata tardi :-P!!!!!!!
    Che panini super golosi...ti serve un assaggiatore...amo impastare lo farei in continuazione e questa farina è favolosa!!! Grande Bianca!!!!!!!!!! Non te l'ho mai chiesto...come ti chiamano normalmente...mia suocera si chiama come te BiancaMaria (lei tutto attaccato!) ma la chiamiamo solo Bianca...tu???? Sono curiosa :-P!!!!!!!!

    Un abbraccio
    monica

    RispondiElimina
  2. Wow, che tripudio di sapori! Grazie mille per la tua ricetta, l'ho appena caricata nell'album ;)

    RispondiElimina