giovedì 21 gennaio 2016

Sformatino di panettone e cioccolato bianco con insalata di frutta fresca

Fatto. Anche quest'anno mi sono lasciata abbindolare dalle sirene dei panettoni in super offerta del periodo post natalizio. Non ce la posso fare. A casa il panettone piace solo a me, di pandori in offerta manco l'ombra. Mi sono convinta che non sia possibile che spariscano tutti all'istante. Ci deve essere sotto una manovra sinistra, una volontà iniqua di negare un dolce molto amato e che tutti si è sperato di portarsi a casa a uno o due euro. Invece, niente.
Rimangono i panettoni, solo i panettoni.
E io ci sono cascata anche quest'anno. Ancora. Ne ho comprato uno, uno solo, ma non potevo mangiarlo da sola. Ignorare il mio profilo quando che si riflette nelle vetrine mentre raggiungo la scuola,  non mi esime dal contenermi. Dunque dovevo trovare il modo di arrivare ad una condivisione in famiglia di un qualcosa che partiva notevolmente svantaggiato.
Ho deciso di adottare la tecnica della pazienza.
Ho considerato di partire un giorno prima.
Ho tolto, si l'ho fatto, ho tolto tutti i canditi e le uvette in modo che non ce ne fosse traccia.
Sono questi esseri che più di ogni altra cosa  tendono a rendere inquieti i miei familiari. Per tutto il resto della popolazione italiana, credo si possano lasciare.
Ho giocato una carta imbattibile: la ricetta di un grande chef, Claudio Sadler, tratta dal suo libro "Menu per quattro stagioni".
Ho puntato molto sulla presentazione - senso di colpa: ma come, vi preparo un piatto da ristorante stellato, e voi non lo assaggiate nemmeno?
Credo che il primo assaggio sia proprio partito da un atto di amore nei miei confronti ma poi...
Missione eliminazione panettone 2015 compiuta! E con grandi apprezzamenti
Ce la farò a non comprarne uno, uno solo, il prossimo Natale?



SFORMATINO DI PANETTONE E CIOCCOLATO BIANCO 
CON INSALATA DI FRUTTA FRESCA







per gli sformatini:
260 g panettone
150 g cioccolato bianco
60 g liquore all'arancia
4 uova
6 tuorli
200 g burro
100 g farina 00
100 g zucchero

per la salsa alla vaniglia:
500 ml latte
8 tuorli
120 g zucchero
vaniglia

frutta fresca

Per gli sformatini montare uova, tuorli e zucchero. In una casseruola a parte fondere il cioccolato e il burro poi unirli poco alla volta al primo composto. Setacciarvi sopra la farina e incorporarla con una spatola.
Tagliare a dadini il panettone, inzupparlo con un po' di liquore all'arancia, incorporarlo al precedente composto di uova, burro e cioccolato, coprire con pellicola e far riposare in frigo per alcune ore, meglio se una notte.
Imburrare e inzuccherare degli stampini in alluminio usa e getta da muffin, riempirli di composto e cuocere a 180° per 15 minuti.

Per la salsa alla vaniglia montare i tuorli con lo zucchero. Bollire il latte con i semi di un bacello di vaniglia. Unire il latte alle uova e mettere sul fuoco fino a raggiungere gli 85°. Togliere subito dal fuoco e passare al colino mettendo la casseruola in una bacinella con acqua fredda e ghiaccio per fermare la cottura. Far raffreddare.

Mondare e lavare la frutta, tagliarla a pezzetti, condirla con poco zucchero e liquore all'arancia.

Impiattare versando in un piatto da dolce,  un mestolino di salsa alla vaniglia. Porvi al centro lo sformatino, qualche pezzetto di frutta e spolverare di zucchero a velo.

E ringraziate il signor Sadler.








Nessun commento:

Posta un commento