Calamari in brodo di borlotti

In casa amiamo i legumi e ultimamente ne abbiamo anche aumentato il consumo essendo degli ottimi sostituti delle proteine della carne. In cucina li trovo estremamente versatili e importanti complementi a tanti piatti. E poi mi piacciono anche nel loro aspetto, soprattutto i borlotti, quelli freschi, da sgranare. E' il loro momento. Ne possiamo approfittare anche per farne una bella scorta da riporre in congelatore.  Oggi li sposo con il mare

CALAMARI IN BRODO DI BORLOTTI




per 2 persone:
2 calamari medi
olio evo
100 g di borlotti freschi sgranati (circa 200 g con i baccelli)
1 spicchio di aglio
1 pezzo di carota
mezza cipolla
1 pezzo di sedano
2 rametti di prezzemolo
1 grano di pepe bianco
maggiorana
pomodori secchi sottolio
sale

In una casseruola rosolare in un cucchiaio di olio evo uno spicchio di aglio in camicia. Unire sedano, carota e cipolla mondati  ma lasciati interi e i due rametti di prezzemolo. Aggiungere i borlotti freschi, coprire con acqua, tre cm sopra le verdure, mettere il coperchio, un pizzico di sale e cuocere per circa 30 minuti, i fagioli devono ammorbidirsi. Togliere le verdure che hanno dato sapore (sedano, carota, cipolla, prezzemolo, mettere da parte due cucchiai di fagioli e frullare il resto con il mixer, passare al setaccio.
Pulire i calamari staccando la testa dalla sacca che va aperta per il lungo. Con un coltello affilato incidere dalla parte interna in diagonale, in un senso poi nell'altro come a formare un intreccio. Scaldare una padella, mettere un filo di olio, buttare  i calamari che con il calore si arricceranno. Toglierli dalla casseruola, la cottura sarà breve e loro risulteranno morbidi. Procedere allo stesso modo con i tentacoli. 
Versare in una fondina un mestolino di brodo di borlotti, un ricciolo o due di calamaro, un ciuffetto, un pezzetto di pomodoro secco sottolio, qualche fogliolina di maggiorana e un filo di evo a crudo.




Non sembra un riccio?

Commenti

Posta un commento

Post più popolari